Google+

Le Modelle Muscolose di Michelangelo Buonarroti

Lascia un commento

11 giugno 2013 di Girl Power free-magazine

LA STORIA DI UN MITO RINASCIMENTALE

Michelangelo nasce il 6 marzo 1475 a Caprese (Arezzo) da Lodovico di Lionardo di Buonarroto Simoni e da Francesca di Neri di Miniato del Sera; grazie alle buone arti del padre riesce ad entrare, ad appena tredici anni, nella bottega di Domenico e David Ghirlandaio. Michelangelo apprende con straordinaria velocità i segreti della scultura tanto da essere invitato nel “Giardino” del Signore più famoso di Firenze, Lorenzo il Magnifico, che lo inserirà a Corte dove incontrerà personaggi illustri come Marsilio Ficino, Agnolo Poliziano, Cristoforo Landino, Pico della Mirandola che rappresentano la grande accademia medicea. Nel 1532 Michelangelo gli viene commissionata un’opera prestigiosa: il “Giudizio Universale”.

Il Giudizio Universale:

a destra della Vergine, ci sono San Biagio e Santa Caterina da Alessandria; Santa Caterina è una donna con il corpo imponente, Michelangelo non è in grado di dipingere la delicatezza e la sensualità del corpo femminile; le donne di Michelangelo sono tutte imponenti, muscolose, gigantesche, mascoline; Santa Caterina è piegata, nuda e mostra la ruota acuminata che ne ha straziato le carni, dietro a lei, San Biagio, che tiene in mano i pettini acuminati che lo hanno scarnificato e guarda fissamente i pettini;07-05_adamoeva_michelangelo.jpg

S. Caterina d’Alessandria; sulla destra, ai piedi di S. Biagio. È una donna con il corpo imponente coperto da una veste verde, e’ piegata e mostra la ruota dentata che ne ha straziato le carni in vita (Michelangelo non è in grado di dipingere la delicatezza e la sensualità del corpo femminile difatti le donne da lui rappresentate sono tutte imponenti, muscolose, gigantesche, mascoline).

La Sacra Famiglia del Tondo Doni

nella Sacra Famiglia del Tondo Doni egli la raffigura come una donna muscolosa e dall’aspetto sano

La Sibilla Delfica

Michelangelo cmichelangelo buonarrotionsiderava le donne (e Maria in primis) delle creature molto forti, in grado di sopportare eventi tragici conservando quel tanto di lucidità bastevole a non farle crollare in ginocchio; le considerava creature intelligenti, in grado, come le Sibille, di gestire informazioni e messaggi superiori.

 

La muscolosa Sibilla della “Genesisibilla.jpg

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Google Translate

Top G-Power Articoli

Member of The Internet Defense League

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: